Eleaml


Fonte:
La Citta di Salerno - 4 settembre 2005

Sala processa Garibaldi

Accuse: violenze, sacrilegi, saccheggi, reati finanziari

SALA CONSILINA. AI via oggi a Sala Consilina le "Giornate Garibaldine", giunte quest'anno alla decima edizione. Per due giorni giorni, il 3 e 4 settembre, le strade e le piazze del centro storico si riempiono di camicie rosse per rievocare l'arrivo a Sala Consilina, il 5 settembre del 1860, di Giuseppe Garibaldi. In programma anche convegni, mostre, rappresentazioni teatrali e spettacoli musicali.

Insomma, tante manifestazioni tra le quali la più suggestiva è certamente quella del corteo di circa cento figuranti a cavallo e a piedi che, indossando le caratteristiche camicie garibaldine color rosso, sfileranno lungo le strade della città ed in particolar modo tra i luoghi in cui il generale Garibaldi sostò. Né mancano le novità rispetto alle passate edizioni.

Fra esse,dopo l'apertura ufficiale della kermesse in piazza Umberto I (ore 18,30), questa sera il "processo" a Garibaldi con inizio alle ore 19.30, nell'aula magna delle Scuole Elementari di via Matteotti, con i professori Vincenzo Gulì e Gennaro De Crescenzo del Movimento neoborbonico che sosterranno le "accuse" a carico del generale secondo le seguenti linee di intervento: Campagna militare garibaldina (da Marsala a Sala, da Sala a Napoli: le apparenti vittorie garibaldine); Governo di Garibaldi (violenze, sacrilegi, saccheggi e reati finanziari di Garibaldi); n Sud prima e dopo Garibaldi (brigantaggio ed emigrazione; dai primati borbonici alla questione meridionale).

La prima parte dell' "accusa" sarà sostenuta da Gulì, che affronterà le prime due tematiche. A De Crescenzo toccherà invece sostenere la ter-za tematica. Al termine del "Processo a Garibaldi", spettacolo musicale "Coro risorgimentale Europa e Libertà". Domani, a partire dalle 18.30, sfilata in costume garibaldino per le vie cittadine.

Quindi, alle 21.00, in piazzetta Garibaldi "La Ballata di Garibaldi", spettacolo teatrale del Teatro San Carluccio. Il programma prevede anche uno spazio per la promozione dei prodotti tipici, in particolare del broccolo di rapa salese

__________________________________________________________________________________
Fonte:
http://www.neoborbonici.it/

Garibaldi: un "EROE" da processare...

SALA CONSILINA (SA) SABATO 3 SETTEMBRE 2005
RIEVOCAZIONE STORICA DEL PASSAGGIO DI GARIBALDI NEL 1860

Organizzata dalla Pro Loco, si è tenuta la solita rievocazione su Garibaldi che, però, questa volta - dopo 145 anni - è stata preceduta da una conferenza a più voci sul presunto 'eroe' che ha decretato la sua completa demitizzazione, solo tiepidamente difesa da uno studioso locale.

I proff. Gennaro De Crescenzo e Vincenzo Gulì  hanno distrutto il massone di Nizza, facendo apparire un filo di luce in un paese da troppo tempo avvolto nel buio delle menzogne storiche imposte dalla cultura ufficiale.                           

Garibaldi massone

Le linee di intervento dei relatori del Movimento Neoborbonico (proff. Vincenzo Gulì e Gennaro De Crescenzo) sono state le seguenti:

- CAMPAGNA MILITARE

Da Marsala a Sala, da Sala a Napoli: le apparenti vittorie garibaldine;

- GOVERNO DI GARIBALDI

Violenze, sacrilegi, saccheggi e reati finanziari di Garibaldi;

- IL SUD PRIMA E DOPO GARIBALDI

Brigantaggio ed emigrazione; dai primati borbonici alla questione meridionale.

Le prime due tematiche sono state trattate dal prof. Gulì, la terza dal prof. De Crescenzo.

_______________________________________________________________________

Fonte:

http://www.salernonotizie.it/ - 02/09/2005

Sala Consilina: al via le “Giornate Garibaldine” 

con il processo al Generale Garibaldi

Al via a Sala Consilina le “Giornate Garibaldine”, giunte quest’anno alla X edizione. Per due giorni giorni, il 3 e 4 settembre, le strade e le piazze del centro storico del grosso centro del Vallo di Diano, si riempiono di camicie rosse per rievocare l’arrivo a Sala Consilina, il 5 settembre del 1860, di Giuseppe Garibaldi.

In programma anche convegni, mostre, rappresentazioni teatrali e spettacoli musicali. Insomma tante manifestazioni tra le quali la più suggestiva è certamente quella del corteo di circa cento figuranti a cavallo o a piedi che, indossando le caratteristiche camicie garibaldine color rosso, sfileranno lungo le strade della città ed in particolar modo tra i luoghi in cui il generale Garibaldi sostò.

Né mancano le novità rispetto alle passate edizioni. Fra esse, dopo l’apertura ufficiale della kermesse in piazza Umberto I (ore 18,30), sabato, 3 settembre, il “processo” a Garibaldi con inizio alle ore 19,30, nell’aula magna delle Scuole Elementari di via Matteotti, con i prof. Vincenzo Gulì e Gennaro De Crescenzo del Movimento Neoborbonico che sosterranno le “accuse” a carico del generale secondo le seguenti linee di intervento: Campagna militare garibaldina (da Marsala a Sala, da Sala a Napoli: le apparenti vittorie garibaldine), Governo di Garibaldi (violenze, sacrilegi, saccheggi e reati finanziari di Garibaldi) e Il Sud prima e dopo Garibaldi (brigantaggio ed emigrazione; dai primati borbonici alla questione meridionale).

La prima parte dell’”accusa” sarà sostenuta dal prof. Gulì, che affronterà le prime due tematiche. Al prof. De Crescenzo toccherà invece sostenere la seconda parte ed affrontare la terza tematica.

Al termine del “Processo a Garibaldi”, spettacolo musicale “Coro risorgimentale Europa e Libertà”. Il giorno successivo, domenica 4 settembre, a partire dalle ore 18,30, sfilata in costume garibaldino per le vie cittadine.

Quindi, con inizio alle ore 21,00, in piazzetta Garibaldi “La Ballata di Garibaldi”, spettacolo teatrale del Teatro San Carluccio.

Il programma della decima edizione della rievocazione storica garibaldina prevede anche uno spazio per la promozione dei prodotti tipici e per la valorizzazione dell’orticoltura locale ed in particolare del broccolo di rapa salese che si fregia del riconoscimento DE.CO. (Denominazione Comunale di Origine).

Come dire, storia, folklore e prodotti della terra per una ulteriore promozione dell’immagine della città capofila del Vallo di Diano.

Nel corso della due giorni in Piazza Umberto I saranno allestiti, a cura dell’associazione Iride, una cinquantina di stand che proporranno la degustazione di prodotti tipici del Vallo di Diano.

Le Giornate Garibaldine, promosse dalla Pro Loco, rientrano nella programmazione degli spettacoli estivi del cartellone “Estate Salese 2005” e sono patrocinate dalla Regione Campania, dalla Provincia di Salerno, dall’Ente Provinciale per il Turismo di Salerno e dal Comune di Sala Consilina.

_________________________________________________________________________________

http://www.valloweb.com/sala-consilina/


Sala Consilina  - 15 Gennaio 05
Seminario di studi: Il Vallo nel Risorgimento

Il comune di Sala Consilina, in collaborazione con la locale Pro Loco ed il Rotary Club Vallo di Diano-Sala Consilina, organizza per sabato, 15 gennaio prossimo, un seminario di studi sul tema:”Il Vallo di Diano nel Risorgimento”. Ospite d’onore della giornata, Anita Garibaldi, pronipote del generale Giuseppe Garibaldi, l’eroe dei due mondi che si fermò per una notte a Sala Consilina, il 5 settembre del 1860, reduce dalla vittoriosa spedizione dei Mille, e fu ospite della nobile famiglia De Petrinis nell’omonimo palazzo gentilizio.

Intenso il programma del seminario, con inizio alle ore 11,00 presso l’Aula Magna dell’istituto superiore I.T.I.S. di Sala Consilina. Dopo i saluti del sindaco, Gaetano Ferrari, dell’assessore comunale alla Cultura, Emidio Rubano, del consigliere provinciale, Luigi Giordano, e la presentazione dei presidenti della Pro Loco, Erminio Cioffi, e del Rotary club, Giovanni Borgia, ci saranno le relazioni del dott. Carmine Pinto, del giornalista Lello Petrocelli e del prof. Italo Gallo.

A trarre le conclusioni sarà Anita Garibaldi che, fra l’altro, racconterà agli studenti alcuni degli episodi più significativi della vita dell’illustre antenato. Nel corso del seminario, il giornalista Lello Petrocelli, parlerà del leggendario trombettiere del generale Custer, John Martin, originario di Sala Consilina, che, all’arrivo nel Vallo di Diano dell’eroe dei due mondi, aveva soltanto otto anni e ne rimase sicuramente impressionato, tant’è che, all’età di 14 anni fu al seguito delle Camicie Rosse come tamburino, e prese parte alla campagna di Trento del 1866.

“Si tratta di una iniziativa, sottolinea l’assessore alla Cultura, Emidio Rubano, che rientra nell’ambito delle attività culturali programmate dall’amministrazione comunale, attività cui diamo molta importanza. Peraltro siamo molto legati alla figura del generale Garibaldi, il quale ogni anno viene ricordato a Sala, grazie all’impegno della Pro Loco, attraverso “Le Giornate Garibaldine”, divenute ormai un appuntamento rievocativo fra i più importanti in provincia di Salerno”.



Torna su





Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del web@master.