Eleaml


Fonte:
http://www.menstyle.it/

Morucci: ''Camorra e Sud, Saviano sbaglia''

scritto da Gian Paolo Serino

1 Novembre 2010

GQ.com pubblica, in esclusiva, un testo di Valerio Morucci, 61 anni, ex membro delle Brigate Rosse, con le quali partecipò al sequestro Moro. Il testo, ottenuto da Gian Paolo Serino - critico letterario e autore del blog e della rivista Satisfiction - presenta una critica di Morucci a Roberto Saviano, l'autore di Gomorra. Tre i punti fondamentali: la Camorra non è il principale problema del Paese, che è di fronte a una ''generale deriva criminale della società''; il Sud ha subito i colpi più duri dallo Stato Unitario, contro il quale dovrebbe ribellarsi; un errore è anche prendersela contro la ''Casta'' dei politici. Ecco le sue parole.

''Da sodale, critico Saviano. Focalizzare tutta l'attenzione sulla Camorra è fuorviante. Vorrebbe imporla come il principale dei nostri problemi, mentre non lo è. L'allargamento sociale della Camorra è cosa poca e secondaria, al confronto della generale deriva criminale della società. Di cui quell'allargamento camorristico è conseguenza, non certo radice. Se confondere gli effetti con la causa (il sudore Camorra con la fatica mondiale di cavare soldi fregandosene delle leggi) è un meccanismo retorico metonimico che funziona in letteratura, eccome, a portare questa finzione nella realtà si commette un abuso.

Uno scrittore può focalizzare le proprie storie su qualsiasi cosa. Anche su una lattina di birra. Ian Fleming, grande costruttore di storie, modello di fior fiore di teorici del racconto, non era una grande penna. Però in 'Operazione tuono' ci ha dato un'intensa pagina di letteratura nel racconto inventato al momento da Bond per Domino, sulla vita avventurosa del marinaio dalla barba rossa del pacchetto di sigarette Player's che aveva sottomano.

Sigarette che fumavo anch'io, prima di leggere Fleming, proprio per le evocazioni avventuriere di quel marinaio dalla barba rossa. (Oltreché per il gusto rotondo e forte del tabacco Virginia; ma quello l'avevano anche altre sigarette.) E le Players's le fumava anche l'amico e amato compagno Giangiacomo Feltrinelli. Ma le alternava alle Senior Service, e non so se avesse letto Fleming. Per quanto io fossi avido lettore, e lui il più geniale degli editori, nei nostri incontri non abbiamo mai parlato di letteratura, ma solo di lotta armata. Che spreco.

Se dopo averci scritto un romanzo il nostro scrittore ne usa il successo per andare ovunque a parlare del problema delle lattine di birra (produzione, immagazzinamento in mezzo alla lectospirosi, smaltimento, etc etc) ponendolo come centrale nella storia dell'umanità, non rende un buon servizio. Che è quello che sta facendo, e dichiarando; e non più letteratura. Se proprio un servizio va reso, nella scrittura e nel suo eventuale successo, meglio sarebbe allora indicare le corna dei problemi che ci affliggono, e non la loro coda.

Meglio sarebbe se Saviano, tolta la maschera da prefica che gli rovina la bella faccia, utilizzasse la notorietà acquisita per ergersi, è un'idea, a paladino dell'indipendenza del Meridione. Perché dovrebbe essere evidente che buona parte dell'incancrenimento dei problemi del Sud - come se altrove non fossero ugualmente incancreniti - dipende dalla presenza, imposta, dello Stato unitario. Dal suo aver mantenuto il Meridione in una condizione di parassitismo perché, tra l'altro, doveva fungere da serbatoio di manodopera semischiavistica per le fabbriche del Nord. Poi, ormai date le condizioni e sgonfiato il 'progresso' che tutto avrebbe dovuto accomodare, le braccia senza lavoro sono finite a cercarsi da mangiare nel crimine.

Ora, per quanto la Camorra ci abbia messo grande impegno, difficilmente potrà mai eguagliare il primato dei 500.000 cittadini del Meridione, uomini, donne vecchi e bambini, ammazzati, fucilati, deportati, dall'esercito piemontese andato a portargli la Libertà. Forse è giunto il momento di presentare il conto e di riprendersela, la libertà. Anche solo con la minuscola, per cominciare.

Forse tolto di mezzo lo Stato piemontese e straniero, ormai non più elargitore ma sempre corrotto e corruttore, si potrebbe tentare di sanare la malapianta del crimine come alternativa di vita. Dovendosi rimboccare le maniche per inventare un Meridione indipendente, emergerebbe forse la sua parte creativa, innovativa e dinamica. Forse a partire dalla Puglia che, se non altro, è la meno lontana da un Rinascimento meridionale, o dal primato europeo nell'agricoltura biologica, o dal mare e dal sole, ricchezza e energia. E a partire dalla posizione strategica nel centro del Mediterraneo, per tornare a essere congiunzione, mercato e scambio di culture, conoscenze e colori.

Noi potremo appoggiare, mobilitarci per questa indipendenza, nel mentre che - spostati gli equivoci mediatici distraenti - dovremo affrontare il problema centrale della deriva oltre la legge dell'economia, dello scambio sociale e della cultura del paese. A ciascuno il suo.

Distrazione per distrazione, una che va per la maggiore è quella contro la Casta. Anche qui copie a migliaia, a consolare il popolo degli smarriti in tanto orrore. Operazione furba, più che culturale come quella di Saviano. Anche un po' vigliacca ,come sparare sulla Croce Rossa. A livello delle monetine buttate addosso a Craxi, e alla Prima Repubblica. La sola avuta finora: tutto il resto è noia. Si sono presi quello che è venuto dopo, i caproni pronti a rincorrere ogni interessata demagogia''. 

Valerio Morucci







vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del Webm@ster.