Eleaml


Cari conterranei,

vi invio questa mia nota sul poeta Vincenzo Ammirà. Nel caso nei siti e sul cartaceo IL BRIGANTE venga pubblicata la poesia vi sarei grato di correggere la i seguita da ^ rimettendo sulla i a cappello ^, al computer questo non è possibile. Saluti
Nino Gernone
___________________________________________________________________________

La ninna d’ u briganteju

di Vincenzo Ammirà

(versione in italiano di Nino Gernone)

______________________
La ninna d’ u briganteju
______________________
_________________________
Ninna nanna del brigantello
_________________________
Veni addormentati

subbra stu sinu,

la hiocca è mammata,

tu puricinu

chi sutt’a l’ali

si ‘ngrugnu e sta,

o briganteju,

la ninna fa.

L’occhiuzzi chiudili,

quantu si’ caru!

Tutti guardatili

Ca nci ‘mbilaru;

pari lu suli

ca sindi va,

o briganteju,

la ninna fa.

Crisci : si^ orfanu,

lu patri amatu,

briganti ‘ntrepidu,

t’hannu ammazzatu

facendu focu

di ccà e di là,

o briganteju,

la ninna fa.

Vint’anni, cridimi,

non toccau tila,

dormia n’tra l’erbi

ch’havi la Sila,

senza timuri,

senza pietà,

o briganteju,

la ninna fa.

Crisci: assimigghialu

Cà nci si^ figghiu,

nommu si^ timidu

comu connigghiu,

curri a lu varcu,

non stari ccà,

o briganteju,

la ninna fa.

Ti vogghiu vìdari

Cu la scupetta,

cu lu cervuni,

cu la giacchetta,

cu lazzi e ‘nciocioli

‘nquantità,

o briganteju,

la ninna fa.

Potissi vìdari

Mammi e mugghieri,

di li cchiù ‘ntrepidi

briganti veri,

pemmu mi chiamanu,

filicità!

o briganteju,

la ninna fa.

Addormentati

sul mio seno,

la chicciola è mamma ,

tu il pulcino

che sotto le ali

si imbroncia e stà,

o brigantello,

la ninna fa.

Chiudi gli occhiuzzi,

o mio amato!

Guardateli

sembrano velati;

sembra il sole

che s’abbandona,

o brigantello,

la ninna fa.

Cresci: sei orfano,

il padre amato,

brigante intrepido,

t’hanno ammazzato

facendo fuoco

di qua e di là,

o brigantello,

la ninna fa.

Vent’anni, credimi,

non toccò tela,

dormì tra l’erba

che la Sila copre,

senza timore,

senza pietà,

o brigantello,

la ninna fa.

Cresci : a lui Pari

ché gli sei figlio,

non essere timoroso

come coniglio,

corri al varco,

non star qui,

o brigantello,

la ninna fa.

Ti voglio vedere

Con la schioppetta,

il cappello conico,

giacchetta,

e tanti lacci e ciondoli,

o brigantello,

la ninna fa.

Possano vedere

madri e spose,

dei più valorosi

briganti veri,

ora mi chiamano,

felicità!

o brigantello,

la ninna fa.

 

 

Vincenzo Ammirà ( versione italiana di Nino Gernone in memoria di Stefano " continueremo a bere vini ancor più inebrianti").

Il lavoro di ricerca di questa poesia è stato possibile grazie al ritrovamento causale su una bancarella di libri qui a Roma vicino l'Università (quella del generoso e buono Stefano appena scomparso - un suo ennesimo dono alla triste e inaspettata notizia? - e ora gestita solo dalla madre Rossanna senza pace che "nun ce crede, nun ce crede..." e da Salvatore amico di bancarella e di vita ), rinvenuto appunto il libro prezioso da cui è tratta questa poesia curato da Antonio Piromalli e Domenico Scarfoglio "L'identità minacciata. La poesia dialettale e la crisi posrtunitaria. I° vol.: Il Meridione" pubblicato dalla meritoria Casa Editrice G. D'Anna Messina - Firenze 1977.

Vincenzo Ammirà (1821-1898) è considerato il maggiore poeta dialettale calabrese dell'800. Nacque e visse a Monteleone (l'attuale Vibo Valentia) e fu autore perseguitato per i suoi versi e per il suo impegno politico sia dai Borboni che dai Savoia, soprattutto per un suo poemetto "osceno" La Ceceide( vedi http://www.sbvibonese.it/biblio/laceceide/la_ceceide1.html ).

Celebrò nelle sue poesie i briganti e le prostitute in una anarchia artistica censurata e, a quanto se ne sa, molte poesie sono a tutt'oggi inedite. Nino Gernone giugno 2004

Nino Gernone

 

Torna su

 

Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del web@master.