Eleaml



Forza Borbone!

di Alessandro da Portici
RdS, 4 dicembre 2006

Carissimi compatrioti,

io sono di Portici una località cara ai Borbone i quali per questa città hanno fatto tantissimo.

Amo la mia città e vorrei tanto che tutti i porticesi conoscessero la verità storica e sarebbe bello che sia sulla reggia che in tutte le 121 ville vesuviane denominate del miglio d'oro sventolasse lo stemma del regno delle due sicilie o la bandiera verde bianca e rossa con lo stemma borbonico al centro. Bandiera utilizzata peraltro per la prima volta dai borbone nella prima guerra d'indipendenza nel 1848 per aiutare i traditori Piemontesi contro gli austriaci.

L'unica cosa che mi dà fastidio della mia città e che abito in "corso Garibaldi".

Vorrei far proprio cambiare la toponomastica e da Pietrarsa alla reggia (Strada Regia delle due Calabrie) il nome giusto sarebbe corso Ferdinando secondo perchè è grazie a lui che l'industria napoletana rifiorì in maniera esponenziale e le casse dell'erario erano piene di soldi casse svuotate poi da Garibladi e soci.

Gli attuali eredi delle casata dei Borbone e cioè Il principe Carlo con il padre Ferdinando sicuramente sono circondati da nemici del sud, però i carnefici e traditori Savoia sono rientrati in Italia, si fanno vedere, i media ne parlano sia bene che male anche se dovrebbero parlarne solo male dopo tutto quello che hanno fatto.

Invece Carlo non è presente forse sarà bistrattato dai media, l'ho visto solo il 19 settembre nel duomo di Napoli per la funzione dello scioglimento del sangue di San Gennaro.

Sicuramente penso che politicamente sia isolato, però se anche lui desidera un riscatto del sud, del suo regno e poter ottenere in qualche modo quello che gli hanno derubato perchè non comincia a fare qualcosa per il real sito di Carditello dato che questo è stato messo all'asta?

Pensate che anche i savoia che dopo il 1861 lasciarono in uno stato di abbandono questo sito, si sono fatti avanti per poterselo comprare e non è giusto. Non è proprio giusto.

Forse Carlo aspetta che ci sia un Cardinale Ruffo che gli riconquisti il regno e glielo porga nelle sue mani?

Secondo me deve far di tutto per rendersi visibile al popolo delle due sicilie facendosi aiutare si dai neoborbonici, ma mettendo in condizione gli stessi di non essere soli e cercare di sfruttare tutti i mezzi di comunicazione necessari affinché il popolo del regno delle due sicilie riconosca quella persona come il proprio Re, come loro padre e come valida alternativa alla disoccupazione, alla camorra e al nostro stato di abbandono nell’immondizia.

Tutto il nord ci deride, la gente ha paura di venire a Napoli sembra essere in Marocco. Dalle navi da crociera quando si arriva a Napoli si sconsiglia di girare da soli.

I pullman sono sotto la nave per ricevere i passeggeri.

 Negli alberghi più in di Napoli stanno progettando orologi di plastica per i visitatori per evitare che gli rubino i Rolex. Ma dove stiamo andando, ma cosa porterà tutto questo? cosa stanno aspettando? quanti morti tutti i giorni senza che lo stato intervenga massicciamente.

Quando lo stato decise di eliminare le sigarette di contrabbando in poco tempo le sigarette furono tolte e perchè lo stesso stato non riesce ad eliminare la camorra, la droga, la disoccupazione, l'immondizia? a chi conviene tutto questo?

Qualunque governo arriverà non s'interesserà mai del meridione perchè siamo solo una risorsa da

sfruttare. Abbiamo grandi università, grandi menti, giovani che si laureano e poi vanno via al nord perchè qui non c'è lavoro.

Siamo la colonia del Nord.

Dobbiamo sfruttare il turismo, siamo in una posizione strategica del mediterraneo, dobbiamo uscire da questa situazione.

Il popolo vuole riscattarsi ma siamo volutamente tenuti in questo stato di degrado e abbandono nella nostra

"Questione Meridionale" nata nel 1861 e chissà quando finirà.

Se vogliamo riavere la nostra identità storica millenaria e diventare di nuovo un regno indipendente e una grande capitale europea, abbiamo bisogno di un leader presente dove poter essere sicuri che quella strada che stiamo percorrendo sia la migliore per tutti noi. Sono sicuro allora che il popolo delle due sicilie insorgerà e che tutto il popolo donerà il potere al suo Re al grido di "viva O're, viva Carlo secondo (VIII di Napoli)", ma fino a quel giorno penso che l'indipendenza delle due sicilie resterà solo un utopia.

Speriamo Che Mel Gibson faccia questo film sul risorgimento e faccia vedere a tutto il mondo che i primi a morire nei lager sciolti nella calce viva siamo stati noi  del sud a Fenestrelle per mano di quegli sporchi Savoia.

Speriamo che i vari Crocco, Ninco Nanco ed altri non siamo morti inutilmente e dimenticati perchè loro si che erano eroi.

Forza Mel Gibson accendi dentro il popolo meridionale l'unità di un regno unito, unico e indipendente

Libertà

Forza e onore e viva o 're

Grazie

Saluti

Alessandro

Ringraziamo Alessandro da Portici per questo contrbuto, già pubblicato anche sul sito http://www.neoborbonici.it/.

Buona lettura e tornate a trovarci.










Torna su





Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del web@master.