Eleaml


Fonte:
http://comitatiduesicilie.org/

Nuova proposta programmatica 

in occasione degli Stati Generali dei Comitati Due

di Davide

Milano 10 marzo 2009

Cari compatrioti,

Vista la giusta richiesta pervenuta da più parti in merito alla convocazione dell'Assemblea Generale che si terrà a Caserta.

Visto il significativo cambio di rotta,  emerso durante il congresso romano, della linea politica del MPA, partito con il quale i CDS hanno operato in maniera sinergica e dal quale sono venuti importanti riconoscimenti ed un supporto che ha consentito un exploit dell'opera di divulgazione della vera storia del Regno delle Due Sicilie e dell'orgoglio di essere borbonici e che mai fino ad ora si era evoluto verso l'ignara, distratta e conformista opinione pubblica.

Grazie al Movimento per l'Autonomia, il meridionalismo proposto dai Comitati Due Sicilie ha avuto la possibilità di essere presentato e divulgato a platee che fino ad ora erano state negate al metodo classico il quale relegava le proprie attività alla mera azione culturale. Strategia che oggi mostra tutti i suoi limiti, perchè incapace di dare risposte significative ai gravi problemi economici che la nostra Nazione sta affrontando. Problemi che si scaglieranno in maniera crudele contro le Due Sicilie non appena la crisi economica attuale passerà nel vivo della sua azione.

Se è vero che non di solo pane si vive, è anche vero che non si vive di sole pagine di storia, e quando arriverà il momento in cui si dovrà lottare per unire il pranzo con la cena, l'azione di divulgazione culturale e la partecipazione, frutto di anni ed anni di lavoro, si perderà come fogli di un libro di storia al vento: insomma si ritornerà al medioevo, come durante il  fascismo.

Invece noi CDS abbiamo il dovere e l'obbligo morale di fare in modo che le nostre giovani piante sopravvivano, all'interno di serre protette, all'inverno che sta per arrivare, ed aspettare che germoglino ad una primavera che si prospetta lontanissima. Se non lo faremo sarà l'estinzione.

Considerati i suddetti punti propongo di mantenere la sinergia con l'MPA, per fini esclusivamente culturali e di divulgazione ove possibile.

Eventuali cariche già in essere o future all'interno del Movimento per l'Autonomia, saranno impiegate per promuovere manifestazioni culturali, raccolta di fondi per il recupero del patrimonio storico delle Due Sicilie, organizzazione di conferenze sul tema borbonico, opere di promozione sociale e quanto previsto dallo Statuto associativo.

Per quel che riguarda l'azione politica invece, propongo di istituire al più presto un laboratorio politico dei Comitati delle Due Sicilie, per il quale inizio a proporre uno dei temi: studio e controproposta del federalismo fiscale, riforma che sembra ormai in dirittura di arrivo.

Davide Cristaldi,

vice presidente nazionale Comitati Due Sicilie



comitati2sicilie











vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del Webm@ster.