Eleaml


Se nel Sud l'autonomismo comincia a pagare politicamente i due poli ne vedranno delle belle. Certo, una parte di questo elettorato può rientrare nelle due "case" (destra o sinistra) ma una altra parte non rientrerà mai più - esiste un retroterra cullturale anche nel meridione continentale che può costituire la base per la creazione di nuove aggregazioni politiche di tipo autonomistico o per lo sviluppo di quelle già esistenti.

Con questo dato occorrerà fare i conti volenti o nolenti perchè la spinta probabilmente non si risolverà con qualche ampolla d'acqua del Volturno - tanto per parafrasare recenti ritualità padane.
Grazie e tornate a trovarci.

Web@master - 21 maggio 2005
___________________________________________________________________________________

Fonte:
http://www.lapadania.com/  18/05/2005

L’autonomia sicula parla... Lombardo

Le liste del Movimento regionale determinante per la tenuta della CdL

È decisamente contento il leader di Mpa, Movimento per l'autonomia. L’ancora per poco europarlamentare dell’Udc e presidente della Provincia di Catania, Raffaele Lombardo rivendica di essere stato determinante per la vittoria della CdL: «Il Movimento per l’autonomia ha ottenuto il 20% dei consensi dell’elettorato catanese. L’esito è un fatto nuovo e decisivo non solo per la politica catanese, ma italiana». L’Mpa ha ottenuto questo risultato nel capoluogo etneo con quattro liste.


Ha spiegato Lombardo che «il nostro Movimento - è stato decisivo per le elezioni del sindaco. E poiché il voto di Catania ha valenza nazionale, vincola il governo a rispettare i patti stipulati, il contratto con i siciliani». Lombardo però afferma che il suo Movimento punta a «federarsi con un partito nazionale. Dico no a un partito siciliano - ha aggiunto - ma anche no al ritorno con la coda in mezzo alle gambe in cambio di privilegi personali, come ci ha invece insegnato la storia politica siciliana. Il nostro sarà un percorso difficile: dopo le offerte, so che ci saranno le mine e gli ostacoli».

«USCIREMO DALL’UDC»

Sul rapporto con l’Udc, l’europarlamentare ha detto che «è stato reciso un cordone ombelicale: abbiamo rotto gli indugi e siamo scesi in campo perché nell’Udc il tema dell’autonomia territoriale non sembra possa nascere. Ci federeremo - ha annunciato Lombardo - con un partito che c'è o che nascerà, ma che sicuramente sarà all’interno della CdL ma che ci garantisca autonomia territoriale e parlamentare».


E ancora più precisamente: «Credo che a questo punto con l'Udc stiamo seguendo strade separate, senza rancori e risentimenti».


Lombardo ricorda che «siamo uomini di centrodestra, sosteniamo Cuffaro in Regione e a Catania Scapagnini. Ci sono undici mesi di tempo per porre le prime pietre di quel contratto per la Sicilia che abbiamo posto al presidente Berlusconi i cui punti fondamentali sono la fiscalità di vantaggio, il ponte sullo Stretto, la continuazione dell’Obiettivo 1, le infrastrutture». Il presidente della Provincia ha annunciato che oggi stesso sarà costituito all’Assemblea regionale siciliana il gruppo dei deputati che fanno capo al movimento per l’autonomia. «Queste liste non possono essere definite civiche ma politiche, siamo la prima formazione in città».


La prossima settimana Silvio Berlusconi tornerà a Catania per festeggiare il successo della CdL alle comunali. «Quando gli ho comunicato i primi dati e le sicure prospettive del successo della CdL a Catania - ha detto l’ europarlamentare - Berlusconi non mi ha subito creduto, e mi ha fatto diverse telefonate nelle ore successive per avere conferma certezza del dato».

LA LEGA GUARDA CON INTERESSE


Il successo di Mpa ha destato l’interesse di Roberto Calderoli: «Raffaele Lombardo è un nostro interlocutore naturale, basta vedere come si chiama...». Calderoli accoglie il successo del movimento autonomista di Raffaele Lombardo. «Lui - prosegue Calderoli - assieme a una Lega della Calabria, una campana e una pugliese, potrà fare una Lega del Sud. Poi noi al Nord e con un partito unico si torna a vincere...». E tornando a ironizzare sui cognomi, conclude: «Del resto non è un caso che il sottosegretario siciliano alle Riforme si chiami Carrara, un cognome tipico della bergamasca».

PERPLESSITÀ DELL’UDC


Dall’Udc arrivano critiche negative. «Lombardo pensa a una federazione al livello nazionale con gli altri partiti, sul modello della Csu bavarese ma rischia di ritrovarsi con un partito Forza Catania». Lo afferma Ciro Alfano, deputato campano dell’Udc, commentando l’addio dal partito di Raffaele Lombardo. «Non capisco quale sia uno sbocco di una forza di questo tipo, tenuto conto che la sua lista autonomista non ha avuto seguito nel resto dell’isola, dove l'Udc resta una forza decisiva sfiorando percentuali vicine al 18-20%.


La condotta di Lombardo rappresenta un mistero anche perché, se fosse rimasto nel partito, in vista del congresso avrebbe potuto ambire alla vice segreteria. Posso capire un certo rancore per il passato, tuttavia - prosegue Alfano - vorrei ricordare che la Sicilia è stata trattata bene: uno dei tre nuovi sottosegretari, Saverio Romano è un uomo suo». Alfano, infine, non esclude che Berlusconi possa aver giocato un ruolo nella scissione interna all’Udc: «Capisco la capacità di attrazione che un leader come il presidente del Consiglio possa avere, tuttavia credo che l’alleanza in futuro possa vincere se sarà composta da soggetti politici forti, non dilaniati al proprio interno».

AN E FORZA ITALIA: «È UNA SVOLTA»


Fabio Granata, portavoce del comitato per il “Sì” al referendum sulla legge elettorale in Sicilia, nell’esprimere soddisfazione «per una battaglia di coerenza e rigore condotta da An, ma anche da molti altri colleghi di Forza Italia e dell’area autonomistica vicina a Raffaele Lombardo», ribadisce che «la conferma della riforma elettorale votata all’Ars pone ancora una volta la Sicilia - così come per la legge 7 sull'elezione diretta del sindaco - all’avanguardia in Italia, dove ancora si discute di sbarramento e quote femminili, che invece da noi sono realtà».


Granata poi lancia un appello a Lombardo e ai “neoautonomisti”: «Un primo segnale deve darlo in settimana la nostra giunta di governo, revocando le concessioni petrolifere ad una società texana. Su questo chiedo a Lombardo e a coloro che sono impegnati per un neoautonomismo, o comunque per la regionalizzazione dell’iniziativa politica, di appoggiare questa e altre grandi battaglie per lo sviluppo sostenibile e per la difesa del territorio».

ENZO BIANCO: «PARTITA APERTA»


Anche per il candidato del centrosinistra, Enzo Bianco, «le quattro liste dell’ europarlamentare Raffaele Lombardo sono state decisive per la rielezione a sindaco di Scapagnini a Catania». Bianco sostiene che il Movimento per l’autonomia «ha frenato l’emorragia di voti dalla Casa delle libertà, dove invece An e Fi perdono in modo clamoroso. Scapagnini e il centrodestra - ha detto il parlamentare della Margherita - hanno vinto a Catania, ma il centrosinistra va avanti in Sicilia.


Anche in questa città perché - ha spiegato Bianco - nel 2001 la Cdl aveva un vantaggio alle regionali a Catania di 40 punti percentuali, nel 2003 nelle provinciali del 33%, il vantaggio è sceso nel 2004 al 12,5% e ora la distanza tra me e Scapagnini si è molto ridotta».


Secondo il presidente del Copaco sui Servizi segreti, dal punto di vista politico «Catania si presenta come una città divisa a metà, perché - ha aggiunto - la differenza tra le due coalizioni è di 6,5%. Il risultato elettorale - ha osservato Bianco - dimostra che in Sicilia la partita è aperta. I risultati di Enna e di altre città dell’isola dimostrano chiaramente che anche qui in Sicilia l’Unione è ormai a ridosso del centrodestra. Questo significa che anche da noi per le prossime elezioni regionali e nazionali la partita è aperta».








Torna su





Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del web@master.