Eleaml


Fonte:
http://www.corriere.it/  19-07-2008

«Napoli in 58 giorni è tornata in Occidente»

Il premier: conclusa l' emergenza rifiuti. L' idea: organizzare qui l' ultima giornata del G8

di Marco Galluzzo

DAL NOSTRO INVIATO  NAPOLI — In Consiglio dei ministri è così felice che dopo tutti i  grafici che il sottosegretario Bertolaso ha illustrato Berlusconi prende la parola e spiega anche lui  l'enorme lavoro fatto per Napoli.  Un lavoro così grande che avrebbe  bisogno di una ciliegina, l'idea l'ha  avuta nei giorni scorsi e la illustra  così come gli frulla in testa: «Sto  pensando di concludere il G8 dell'anno prossimo proprio qui, pensate che ribalta internazionale sarebbe per l'immagine della città». 

È solo un'idea, ma nella riunione del governo nessuno ha niente  da dire e il Cavaliere la illustra continuando a sognare una conclusione molto originale del meeting dei  leader della Terra che si terrà l'anno prossimo in Sardegna, nell'isola della Maddalena: «Sarebbe bello  realizzare una giornata dei lavori  del summit in una nave da crociera attrezzata di tutto punto, trasferendo tutti i capi di  governo qui nel golfo  di Napoli. Sarebbe  uno spot di dimensioni mondiali che servirebbe per cancellare  definitivamente dalla  memoria le immagini  dell'immondizia e rilanciare il turismo internazionale». 

Se l'idea sarà realizzata è ancora presto  per dirlo, intanto il  presidente del Consiglio ha dato mandato  al sottosegretario di  esplorarla nei suoi  aspetti pratici.

Non ne  parla in conferenza  stampa, c'è abbastanza carne al fuoco, soprattutto c'è un merito da rivendicare: «In soli 58 giorni abbiamo realizzato un'opera di civiltà, Napoli  torna una città occidentale, ordinata, pulita. E non c'è più quel disastro che ci ha così male illustrati  nel mondo compromettendo l'immagine di arte e cultura, colpendo  il turismo e le nostre esportazioni  pregiate». 

Nel comunicare che «l'emergenza estrema è finita» ma che ci vorranno comunque «3 anni perché  si possa dire che sia definitivamente conclusa», il Cavaliere annuncia  che l'esecutivo ha intenzione di  «investigare» sulle responsabilità  del passato: «Non sono ancora  chiare le cause della grave situazione che abbiamo trovato, ma si potevano e si dovevano evitare». 

Aggiungerà alla fine della conferenza  stampa: «Non voglio fare cattivi  pensieri sulle infiltrazioni della criminalità, ma qui in Campania, con  i rifiuti, certamente si è avuto un  segno particolarmente cruento dell'incapacità amministrativa della  sinistra, di chi fa da sempre solo  politica».  n bilancio del premier, mentre  Napoli e la sua periferia si offrono  in effetti libere dai cumuli di immondizia dei mesi scorsi, è anche  togliersi qualche sassolino dalle  scarpe: «In molti hanno scommesso che il governo non ce l'avrebbe  fatta, hanno avuto torto».

Berlusconi ringrazia ed encomia per il lavoro fatto sia Bertolaso che il ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiaconio e quello della Difesa Ignazio La Russa, il quale ha annunciato che «dai primissimi giorni di  agosto» i militari vigileranno sull'ordine pubblico di Napoli (e di altre quattro città: Milano, Roma, Padova e Catania).  «Siamo riusciti in una missione  impossibile, in cui nessuno di quelli che ci hanno preceduto era riuscito», aggiunge il capo del governo, soddisfatto anche perché il governo ha appena sbloccato 60 miliardi di fondi europei destinati  «in gran parte al Meridione».

L'ultima nota è tecnica e riguarda «l'accordo per la bonifica di 37 siti che  abbiamo firmato oggi, interessa siti da mettere in sicurezza e da riqualificare dal punto di vista ambientale». Sono previsti più di 500  milioni di euro, così come una promessa: «Tutti i Comuni della Campania che saranno inadempienti  nel realizzare il programma di  smaltimento dei rifiuti che ci siamo dati saranno commissariati». 

Marco Galluzzo 












vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del Webm@ster.