Eleaml


Legge che ordina la osservanza ed esecuzione del trattato di commercio e di navigazione conchiuso coll'Inghilterra - 25 di Giugno 1845

TREATY OF COMMERCE AND NAVIGATION BETWEEN HER MAJESTY AND THE KING OF THE KINGDOM OF THE TWO SICILIES

(se vuoi, scarica l'articolo in formato ODT o PDF)

TREATY

OF

COMMERCE AND NAVIGATION

BETWEEN

HER MAJESTY

AND

THE KING

OF THE

KINGDOM OF THE TWO SICILIES.

Signed at Naples, April 29, 1845.

Presented to both Houses of Parliament by Command of Her Majesty.

1845.

LONDON: PRINTED BY T. K. HÀRRISON.

HER Majesty the Queen of the United Kingdom of Great Britain and Ireland, and His Majesty the King of the Kingdom of the Two Sicilies, being equally desirous of improving, extending, and regulating the commercial relations between their respective States, and of affording every facility and encouragement to the commercial intercourse between their respective subjects; and being persuaded that nothing will more contribute to the attainment of this desirable object than a reciprocal abrogation of all discriminating duties of navigation and commerce, and of all exclusive privileges of trade hitherto enjoyed by the subjects of either Party in the dominions of the other, have appointed Plenipotentiaries to conclude a Treaty for this purpose; that is to say:—

Her Majesty the Queen of the United Kingdom of Great Britain and Ireland, the Honourable William Tempie, Envoy Extraordinary and Minister Plenipotentiary of Her said Majesty at the Court of Naples; and Sir Woodbine Parish, Knight Commander of the Royal Guelphic Order;

And His Majesty the King of the Kingdom of the Two Sicilies, Don Giustino Fortunato, Knight Grand Cross of the Royal and Military Constantinian Order of St. George, and of that of Francis the Ist., Minister Secretary of State of His said Majesty; and Don Michael Gravina Requesenz, Prince of Comitini, Knight Grand Cross of the Royal Order of Francis the Ist., Gentleman of the Chamber in Waiting, and Minister Secretary of State of His said Majesty; and Don Antonio Spinelli of Scalea, Commander of the Royal Order of Francis the Ist., Gentleman of the Chamber of His said Majesty, Member of the General Consulta, and Superìntendent General of the Archives of the Kingdom:—

Who, after having communicated to each other their respective full powers, found to be in due and proper form, have agreed upon and concluded the following Articles:—

ARTICLE I.

Her Britannic Majesty confirms the abolition agreed upon by the First Article of the Convention of Commerce and Navigation between Great Britain and the Kingdom of the Two Sicilies, signed at London on the 26th of September, 1816, of all the privileges and exemptions which her subjects, their commerce and merchant ships, did enjoy within the dominions, states, and ports of His Sicilian Majesty, in virtue of the Treaty of Peace and Commerce between Great Britain and Spain, concluded at Madrid on the 13/23 May, 1667; of the Treaties of Commerce between the same Powers, signed at Utrecht the 28 November/9 December, 1713, and at Madrid the 3/14 December, 1715; and of the Convention between Great Britain and the Kingdom of Sicily, concluded at Utrecht the 25 February 1712/8 March 1713 and it is agreed in consequence, between their said Britannic and Sicilian Majesties, their heirs and successors, that the said privileges and exemptions, whether of persons, flags, or shipping, are and shall continue for ever abolished, even when the present Treaty shall cease to be in force.

ARTICLE II.

His Sicilian Majesty, on his part, confirms in like manner the engagement contained in the 2nd Article of the said Convention of the 26th of September, 1816, not to grant fòr the future, to the subjects of any other Power whatever, the privileges and exemptions abolished by that Convention, and to which the preceding Article refer.

ARTICLE III.

With respect to the personal privileges to be enjoyed by the subjects of Her Britannic Majesty in the Kingdom oi the Two Sicilies. His Sicilian Majesty engages that they shall have a free and undoubted right to travel and to reside in the territories and dominions of His said Majesty, subject to the same precautions of police which are practised towards the subjects or citizens of the most favoured nations.

They shall be entitled to occupy dwellings and warehouses, and to dispose of all their personal property, of every kind and description, by sale, gift, exchange, will, or in any other way whatever, without the smallest hindrance or obstacle. They shall not be obliged to pay, under any pretence whatever, any taxes or impositions other or greater than those which are paid, or may hereafter be paid, by the subjects or citizens of the most favoured nations in the dominions of His said Sicilian Majesty. They shall be exempt from all military service, whether by land or sea; from forced loans, and from every extraordinary contribution, not general or by law established. Their dwellings, warehouses, and all premises appertaining thereto, destined for purposes of residence or commerce, shall be respected. No arbitrary search of or visit to the houses of British subjects, and no arbitrary examination or inspection whatever of the books, papers, or accounts of their trade shall be made; but such measures shall be executed only in conformity with the legal sentence of a competent tribunal. And generally, His Sicilian Majesty engages that the subjects of Her Britannic Majesty residing in his states or dominions, shall enjoy their property and personal security in as full and ample manner as his own subjects, and as the subjects or citizens of the most favoured nations.

Her Britannic Majesty, on her part, engages to insure the enjoyment of the like privileges to the subjects of His Sicilian Majesty within her dominions.

ARTICLE IV.

The subjects of Her Britannic Majesty within the dominions of His Sicilian Majesty, shall be free to manage their own affairs themselves, or to commit those affairs to the management of any persons whom they may appoint as their broker, factor, or agent; nor shall such British subjects be restrained in their choice of persons to act in such capacities; nor shall they be called upon to pay any salary or remuneration to any person whom they shall not choose to employ. Absolute freedom shall be given in all cases, to the buyer and seller to bargain together, and to fix the price of any goods or merchandize imported into or to be exported from the dominions of His Sicilian Majesty, save and except generally such cases wherein the laws and usages of the country may require the intervention of any special agents in the dominions of His Sicilian Majesty.

The same privileges shall be enjoyed in the dominions of Her Britannic Majesty, by the subjects of His Sicilian Majesty, and upon the same conditions.

ARTICLE V.

The subjects of Her Britannic Majesty shall not be liable, within the dominions of His Sicilian Majesty, to a, more rigorous system of examination and search by the officers of the customs, than the subjects of His Sicilian Majesty. And in like manner, the subjects of His Sicilian Majesty shall not be liable, within the dominions of Her Britannic Majesty, to a more rigorous system of examination and search than British subjects.

ARTICLE VI.

There shall be reciprocal liberty of commerce and navigation between the United Kingdom of Great Britain and Ireland and the Kingdom of the Two Sicilies. No duty of customs or other impost shall be charged upon any goods the produce or manufacture of one country, upon importation by sea or by land from such country into the other, other or higher than the duty or impost charged upon goods of the same kind, the produce or manufacture of, or imported from, any other country; and Her Majesty the Queen of the United Kingdom of Great Britain and Ireland, and His Majesty the King of the Two Sicilies, do hereby engage that the subjects or citizens of any other State shall not enjoy any favour, privilege, or immunity whatever in matters of commerce and navigation, which shall not also and at the same time be extended to the subjects of the other High Contracting Party; gratuitously, if the concession in favour of that other State shall have been gratuitous, and in return for a compensation as nearly as possible of proportionate value and effect, to be adjusted by mutual agreement, if the concession shall have been conditional.

ARTICLE VII.

Ali articles of the produce or manufacture of either country, and of their respective dominions, which can legally be imported into either country from the other, in ships of that other country, shall, when so imported, be subject to the same duties and enjoy the same privileges, whether imported in ships of the one country or in ships of the other j and in like manner all goods which can legally be exported or re-exported from either country to the other, in ships of that other country, shall, when so exported or re-exported, be subject to the same duties, and be entitled to the same privileges, drawbacks, bounties, and allowances, whether exported in ships of the one country or in ships of the other.

ARTICLE VIII.

No duties of tonnage, harbour, lighthouses, pilotage, quarantine, or other similar duties, of whatever nature or under whatever denomination, shall be imposed in either country upon the vessels of the other, in respect of voyages between the United Kingdom of Great Britain and Ireland, or any of the British possessions in Europe, and the Kingdom of the Two Sicilies, if laden, or in respect of any voyage if in ballast, which shall not be equally imposed in the like cases on national vessels.

ARTICLE IX.

In all cases in which in either Kingdom, the duty to be levied upon any goods imported from the other Kingdom shall be not a fixed rate but a proportion of the value of the goods, such ad valorem duty shall be ascertained and secured in the following manner, that is to say:—the importer shall, on making his entry for the payment of duty at the custom-house, sign a declaration stating the value of the goods at such amount as he shall deem proper; and in case the officer or officers of the customs shall be of opinion that such valuation is insufficient, he or they shall be at liberty to take the goods, on paying to the importer the value thereof according to the declaration of the importer, together with an addition of ten per cent.; and the custom-house officer shall at the same time return to the importer any duty which the importer may have paid upon such goods.

ARTICLE X.

It is hereby declared, that the stipulations of the present Treaty are not to be understood as applying to the navigation and carrying trade between one port and another situated in the dominions of either Contracting Party; such navigation and trade being reserved exclusively to national vessels.

Vessels of either country shall, however, be permitted to load or unload part of their cargoes at one port in the dominions of either of the High Contracting Par ties, and then to proceed to complete the said loading or unloading, to any other port or ports in the same dominions.

ARTICLE XI.

Neither of the two Governments, nor any corporation or agent acting in behalf or under the authority of either Government, shall in the purchase of any article which, being the growth, produce, or manufacture of the one country, shall be imported into the other, give directly or indirectly, any priority or preference on account of or in reference to the national character of the vessel in which such article shall have been imported; it being the true intent and meaning of the High Contracting Parties, that no distinction or difference whatever shall be made in this respect.

ARTICLE XII.

Her Britannic Majesty declares that the commerce of Sicilian subjects within the United Kingdom of Great Britain and Ireland is not restrained, interrupted, or in any manner affected by the operation of any monopoly, contract, or exclusive privilege of sale or purchase whatsoever; but that the subjects of His Sicilian Majesty within, the United Kingdom of Great Britain and Ireland, have unrestrained permission to buy from and sell to whomsoever they please, and in any form and manner which may be agreed upon between the purchaser and seller, and without being obliged to give any preference or favour in consequence of any such monopoly, contract, or exclusive privilege of sale or purchase; and Her Britannic Majesty engages that no change shall in this respect be made in regard to the trade of the subjects of His Sicilian Majesty. His Sicilian Majesty engages on his part, that a like liberty in respect to purchases or sales, shall be enjoyed by Her Britannic Majesty's subjects trading to or residing in the Kingdom of the Two Sicilies: the royal Sicilian monopolies of tobacco, salt, playing cards, gunpowder, and nitre, being excepted.

It being understood that nothing agreed upon in the present Treaty is opposed to the right of His Majesty the King of the Kingdom of the Two Sicilies to grant, whether to the authors or others, patents for inventions or improvements.

ARTICLE XIII

If any ships of war or merchant-vessels be wrecked on the coasts of either of the High Contracting Parties, such ships or vessels, or any parts thereof, and all furniture and appurtenances belonging thereunto, and all goods and merchandize which shall be saved there from, or the produce thereof, if sold, shall be faithfully restored, with the least possible delay, to the proprietors, upon being claimed by them. or by their duly authorized factors; and if there are no such proprietors or factors on the spot, then the said goods and merchandize, or the proceeds thereof, as well as all the papers found on board such wrecked ships or vessels, shall be delivered to the British or Sicilian Consul or Vice-Consul in whose district the wreck may have taken place; and such Consul, Vice-Consul, proprietors, or factors, shall pay only the expenses incurred in the preservation of the property, together with the rate of salvage and expenses of quarantine which would have been payable in the like case of a wreck of a national vessel; and the goods and merchandize saved from the wreck shall not be subject to duties unless cleared for consumption; it being understood that in case of any legal claim upon such wreck, goods, or merchandize, the same shall be referred for decision to the competent tribunals of the country.

ARTICLE XIV.

Her Britannic Majesty consents that as soon as the present Treaty shall be carried into effect, she will give up for ever the privilege of the reduction of ten per cent, stipulated in favour of the trade of her subjects, by the 7th Article of the Convention signed at London on the 26th of September, 1816. And His Sicilian Majesty engages on his part, that so long as this Treaty shall last, the subjects of Her Britannic Majesty shall continue to enjoy a reduction of ten per cent, upon the duties payable according to the customs tariff, upon the total of the merchandize or productions of the United Kingdom of Great Britain and Ireland, her colonies, possessions, and dependencies, imported by them into His Majesty's dominions; and further, the subjects of Her Britannic Majesty 9 shall not pay any higher duties than those which upon the like merchandize or productions shall be paid by the subjects or citizens of any other nation, conformably always to the terms of the 6th Article of the present Treaty, and the principles laid down in that Article.

It is however understood, that nothing contained in this Article shall prevent or restrict the right of His Majesty the King of the Kingdom of the Two Sicilies to continue to his own subjects the enjoyment of a like reduction of ten per cent, on the custom-house duties, or to grant it, if he shall think proper, to other nations, and thus to place them in this respect on the same footing with Great Britain; and to make at any time such changes as His Majesty shall deem fit in the tariffs of his royal dominions.

ARTICLE XV.

The Ionian Islands being under the protection of Her Britannic Majesty, the subjects and vessels of those islands shall enjoy, in the Sicilian * dominions, all the advantages which are granted by the present Treaty to the subjects and vessels of Great Britain, as soon as the Government of the Ionian Islands shall have agreed to grant the same reciprocal advantages in those islands to the subjects and vessels of His Sicilian Majesty; it being understood that to prevent abuses, every Ionian vessel claiming the benefits of this Treaty, shall be furnished with a patent signed by the Lord High Commissioner, or by his representative.

ARTICLE XVI.

The commerce and navigation between the dominions of His Sicilian Majesty and Gibraltar and Malta, shall enjoy all the advantages granted to the subjects and vessels of the United Kingdom of Great Britain and Ireland, and the Kingdom of the Two Sicilies, by the present Treaty.

ARTICLE XVII.

As soon as the ratifications of the present Treaty shall have been exchanged, the stipulations contained in the Convention of Commerce and Navigation between Great Britain and the Kingdom of the Two Sicilies, signed at London on the 26th of September, 1816, as well as in the Additional Articles of the same date, shall be, without distinction and for ever, considered as null and void.

ARTICLE XVIII

The present Treaty shall be in force for the term of ten years from the date of the exchange of the ratifications thereof, and further until the end of twelve months after either of the High Contracting Parties shall have given notice to the other of its intention to terminate the same; each of the said High Contracting Parties reserving to itself the right of giving such notice at the end of the said term of ten years, or at any subsequent time.

ARTICLE XIX.

The present Treaty shall be ratified, and the ratifications shall be exchanged at Naples at the expiration of three months from the date of its signature, or sooner if possible.

In witness whereof the respective Plenipotentiaries have signed the same, and have affixed thereto the seals of their arms.

Done at Naples, the twenty-ninth day of April, one thousand eight hundred and forty-five.

(L. S.) WILLIAM TEMPLE.

(L. S.) WOODBINE PARISH.

(L. S.) CAVE. GIUSTINO FORTUNATO.

(L. S.) PRINCIPE DI COMITINI.

(L. S.) ANTONIO SPINELLI.

Dopo la questione degli zolfi che vide il Regno delle Due Sicilie soccombere di fronte allo strapotere dell'Inghilterra, si stilò un trattato di commercio e di navigazione fra i due Stati. Lla visione dello stato napolitano come un monolite protezionista è fuori dalla storia, come è del pari scorretto dipingere lo stato inglese come un campione di liberismo. Su questo tema ritorneremo più diffusamente in altra occasione.

La lettura dei trattati che i napolitani firmavano con i vari stati da una idea più corretta e dinamica della reale situazione.

Il testo è tratto da: "ACCOUNTS AND PAPERS 1845 – LONDON, T. R. HARRISON - pag. 275"

Zenone di Elea – Agosto 2013

___________________

SUA Maestà la Regina del Regno Unito della Gran Brettagna e dell'Irlanda, e Sua Maestà il Re del Regno delle Due Sicilie, desiderando del pari di migliorare, estendere, e regolare le relazioni commerciali tra i loro rispettivi Stati, e di somministrare ogni facilitazione ed incorraggiamento alla corrispondenza commerciale tra'  loro rispettivi sudditi; ed essendo persuasi che niente può più contribuire al conseguimento di questo desiderabile oggetto che una reciproca abolizione di tutti i differenziali diritti di navigazione e di commercio, e di tutti gli esclusivi privilegj di commercio finora goduti da'  sudditi di una delle due Parti a preferenza di quelli dell'altra ne' rispettivi loro domini, hanno nominato de'  Plenipotenziari per conchiudere un Trattato per tal proposito cioè

Sua Maestà la Regina del Regno Unito della Gran Brettagna e dell'Irlanda, l'Onorevole William Tempie, Inviato Straordinario e Ministro Plenipotenziario della Maestà Sua presso la Corte di Napoli; ed il Cavaliere Woodbine Parish, Commendatore del Reale Ordine dei Guelfi;

E Sua Maestà il Re del Regno delle Due Sicilie, Don Giustino Fortunato, Cavaliere Gran Croce del Reale e Militare Ordine Costantiniano di S. Georgio, e di quello di Francesco Imo., Ministro Segretario di Stato della Maestà Sua; e Don Michele Gravina Requesenz, Principe di Comitini, Cavaliere Gran Croce del Reale Ordine di Francesco Imo., Gentiluomo di Camera con Esercizio, e Ministro Segretario di Stato della Maestà Sua; e Don Antonio Spinelli dei Principi di Scalea, Commendatore del Reale Ordine di Francesco Imo., Gentiluomo di Camera di Sua Maestà, Consultore della Consulta Generale, e Soprintendente Generate degli Archivi del Regno:—

I quali, dopo di aversi communicati scambievolmente i rispettivi pieni poteri, e trovati questi in buona e dovuta forma, sono convenuto ed hanno conchiuso i seguenti Articoli:—

ARTICOLO I.

Sua Maestà Britannica conferma l'abolizione convenuta nel 1° Articolo della'  Convenzione di Commercio e di? Navigazione tra la Gran Brettagna ed il Regno delle Due Sicilie, sottoscritta a Londra il 26 Settembre, 1816, di tutt'i privilegi ed esenzioni di cui i suoi sudditi, il loro commercio e legni mercantili, godevano nei domini, negli stati, e ne' porti di Sua Maestà Siciliana, in virtù del Trattato di Pace e di Commercio tra la Gran Brettagna e la Spagna, conchiuso a Madrid il al Maggio, 1067; e de'  Trattati di Commercio tra le stesse Potenze, sottoscritti in Utrecht il 1713, ed a Madrid il Dicembre, 1715; e la Convenzione tra la Gran Brettagna ed il Regno di Sicilia, conchiusa in Utrecht il; e resta convenuto en consequenza, tra le suddette Maestà loro Siciliana e Britannica, loro eredi e successori, che i detti privilegi ed esenzioni, sia di persone, sia di bandiera e di bastimenti, sono per sempre aboliti, anche quando il presente Trattato cesserà di aver vigore.

ARTICOLO II.

Sua Maestà Siciliana, per parte sua, conferma in egual modo, l'impegna contenuto nel 2° Articolo della detta Convenzione del 26 Settembre, 1816, de non accordare per la avvenire, a'  sudditti di ogni altra Potenza qualunque, i privilegi e le esenzioni abolite con quella Convenzione, ed alle quali il precedente Articolo si referisce.

ARTICOLO III.

Risguardo a privilegi personali di cui dovranno godere i sudditi di Sua Maestà Britannica ed Regno delle Due Sicilie, Sua Maestà Siciliana prò mette che avranno essi libero e non dubbio diritto di viaggiare e resiedete ne' territori e domini della prelodata Maestà Sua, salve le precauzioni di polizia che vengono usate con le nazioni le piò favorite. Essi avranno diritto di occupare delle case, e de'  magazzini, e di disporre delle loro proprietà personali di qualunque natura e denominazione, per vendita, donazione, permuta, o testamento, ed in qualunque altro modo, senza che si rechi loro a tale effetto, il menomo ostacolo o impedimento. Non saranno i medesimi obligati sotto verun pretesto, a pagare altre tasse o imposte che quelle le quali son pagate, o potranno pagarsi, negli stati de Sua Maestà Siciliana, dalle nazioni le più favorite. Saranno essi esenti da qualunque servizio militare, sia per terra sia per mare; da prestiti forzosi, e da ogni contribuzione straordinaria, purché non sia generale e stabilita per legge. Le loro abitazione i magazzini, e tutto ciò che ne fa parte e loro appartiene per oggetti di commercio o di residenza, saranno rispettati. Non saranno soggetti a visite o perquisizione vessatorie; non potrà farsi alcuno esame arbitrario, o ispezione de'  loro libri, carte, o conti commerciali; uè potranno tali operazione praticarsi altrimenti die in seguito di sentenza legale de'  tribunali competenti. E Sua Maestà Siciliana si compromette di garentire in tutte le occazioni a'  sudditi di Sua Maestà Britannica che risiederanno ne' suoi stati e domini, la conservazione delle loro proprietà e della loro sicurezza personale, nello stesso modo che è garentita a'  suoi sudditi, ed a'  sudditi o cittadini delle nazioni le più favorite

Sua Maestà Britannica, da parte sua, promette di assicurare il godimento degli stessi privilegi a'  sudditi di Sua Maestà il Re del Regno delle Due Sicilie ne' suoi domini.

ARTICOLO IV.

I sudditi di Sua Maestà Britannica ne' domini di Sua Maestà Siciliana, potranno liberamente trattare da ae stessi, i propri affari, o commettere tali affari alla gestione di tutte le per sone ch'essi potranno nominare loro mezzani, fattori, o agenti; e non saranno i sudditi Britannici impediti nella scelta delle persone che potranno agire in tale qualità, né saranno essi richiesti di pagare alcun salario o remunerazione ad alcuna persona che non sia da essi scelta. Assoluta libertà sarà data in ogni caso, al compratore ed al venditore di negoziare insieme e di fissare il prezzo di qualunque effetto o mercanzia immessa ne' domini di Sua Maestà Siciliana, o da essere da'  medesimi esportata, salvo in generale gli affari pei quali le leggi e le usanze del paese, richiederanno l'opera di agenti speciali ne' domini della Maestà Sua.

Gli stessi privilegi, sotto le stesse condizioni, godranno ne' domini de Sua Maestà Britannica, i sudditi di Sua Maestà Siciliana.

ARTICOLO V.

I sudditi di Sua Maestà Britannica non saranno sottoposti ne' domini di Sua Maestà Siciliana, ad un sistema più rigoroso di esame e di perquisizione per parte degli uffiziali doganale, che i sudditi di Sua Maestà Siciliana. E della stessa manniera i sudditi di Sua Maestà Siciliana non saranno sottoposti, nei domini di Sua Maestà Bri tannica, ad un sistema di esame e di perquisizione più rigoroso che i sudditi Britannici.

ARTICOLO VI.

Vi sarà reciproca libertà di commercio e di navigazione tra il Regno Unito della Gran Brettagna e della Irlanda ed il Regno delle Due Sicilie. E niun dazio doganale, o altra imposizione sarà caricata sopra qualunque merce di produzione del suolo o della industria di un paese, alla importazione per mare o per terra da tale paese nell altro, diverso o più elevato del dazio o imposizione caricata su le merci dello stesso genere di produzione o manifattura importate da qualsivoglia altro paese; e Sua Maestà la Regina del Regno Unito della Gran Brettagna e della Irlanda, e Sua Maestà il Re del Regno delle Due Sicilie, s'impegnano perciò che i sudditi o cittadini di alcun altra Potenza non godranno alcun favore, privilegio, o immunità in materia di commercio e di navigazione, senza estenderlo egualmente e nello stesso tempo a'  sudditi dell'altra Parte Contraente; gratuitamente, se la concessione fatta a favore di tale altro Stato sarà stata gratuita, e mediante un compensamento proporzionato per quanto sia possibile di valore e di effetto da stabilirsi di commune accordo, se la concessione sarà stata onerosa.

ARTICOLO VII.

Tutte le produzioni del suolo o della industria dell'uno e dell'altro paese o de'  loro rispettivi domini, che possono essere legalmente immesse in uno de'  due paesi con legni dell'altro paese, e da esso provenienti, saranno quando verranno cosi immesse sottoposte agli stessi dazj e godranno degli stessi privilegi o che siano importate con bastimenti dell'uno o con bastimenti dell'altro paese; ed allo stesso modo tutte le merci che potranno essere legalmente esportate o riesportate da uno de'  due paesi nell'altro, con legni dell'altro paese, saranno quando verranno cosi esportate o riesportate, sottoposte agli stessi dazj, ed avranno diritto agli stessi privilegj, diffalchi, benefizi, concessioni, e restituzioni, o che siano esportate da legni di un paese o da quelli dell'altro.

ARTICOLO Vili.

Niun diritto di tonnellaggio, di porto, di fanale, o di pilotaggio, quarantena ed altri simili o corrispondenti diritti, di qualsivoglia natura e sotto qualsiasi denominazione, sarà imposto in uno de due paesi sopra i legni dell'altro, in risguardo di viaggi tra il Regno Unito della Gran Brettagna e della Irlanda, e suoi possedimenti in Europa, ed il Regno delle Due Sicilie, se carichi, e per qualunque viaggio se in zavorra, che non sarà egualmente imposto in casi simiglianti sopra i legni del proprio paese.

ARTICOLO IX.

In tutti i casi ne quali in uno de due regni il dazio ad esigersi sopra le merci importate dall'altro regno non sarà una somma determinata, ma in proporzione del valore della merce, questo dazio ad valorem sarà determinato e stabilito nel modo seguente, cioè colui che immette, nello entrare nella dogana pel pagamento del dazio, firmerà una dichiarazione contenente il valore delle merci, per quello ammontare che egli crederà conveniente; e nel caso in cui l'impiegato o gì' impiegati del posto doganale, crederanno che tale valutazione sià in meno, avranno la libertà di prendere la merce, pagandone il valore a colui che la immette secondo la dichiarazione di lui, con una addizione del dieci per cento; e l'impiegato doganale restituirà nel tempo istesso a colui che immette, qualunque dazio che avesse egli pagato sopra quelle merci.

ARTICOLO X.

Egli è espressamente dichiarato, che le stipulazioni del presente Trattato non debbono intendersi come applicabili alla navigazione ed al traffico tra un porto ed un altro situati ne domini di ciascuna delle due Alte Parti Contraenti; essendo tale navigazione e traffico riservato esclusiva mente ai bastimenti nazionali.

I bastimenti de due paesi del resto potranno caricare o discaricare una parte de'  loro carichi, in un porto dèf domini di ciascuna delle Parti Contraenti, e quindi procedere per completare il rimanente del carico o discarico, in ogni altro porto o porti negli stessi domini.

ARTICOLO XI.

Niuno dei due Governi, né alcuna corporazione o agente che operi in favore e sotto l'autorità de ciascuno de essi nella compra di qualunque articolo, il quale, essendo produzione o manifattura di un paese, sarà importata nell'altro, darà direttamente o indirettamente, alcuna preminenza o preferenza in risguardo o in rapporto al carattere nazionale del bastimento in cui tale articolo sarà stato importato; essendo il vero scopo ed intenzione delle Alte Parti Contraenti, che niuna distinzione o differenza qualunque sia fatta sotto questo rapporto.

ARTICOLO XII.

 Sua Maestà Britannica dichiara che il commercio de'  sudditi Siciliani nel Regno Unito della Gran Brettagna e dell'Irlanda, non è ristretto, o interrotto, o in qualunque maniera affetto da operazioni di qualunque monopolio, contratto, o privilegio esclusivo di vendita o di compra qualunque; ma che i sudditi de Sua Maestà Siciliana nel Regna Unita della Gran Brettagna e dell'Irlanda ànno illimitato permesso di comprare e vendere a chiunque lor piaccia, ed in qualunque forma e maniera che possa esser convenuta tra il compratore ed il venditore, e senza essere obligati di dare alcuna preferenza o favore in consequenza di tale monopolio, contratto, o privilegio esclusivo di vendita e di compra; e Sua Maestà Britannica promette che nessun cambiamento sarà fatto sotto questo rapporto in risguardo al commercio de' sudditi di Sua Maestà Siciliana. Sua Maestà Siciliana promette, da sua parte, che una simile libertà in risguardo alle compre o vendite, sarà goduta da'  sudditi di Sua Maestà Britannica commercianti o residenti nel Regno delle Due Sicilie: essendo eccettuate le reali privative Siciliane de tabacchi, sali, carte da gioco, polvere da sparo, e nitro.

Beninteso che nulla di quanto e convenuta nel presente Trattato A oppone al diritto di Sua Maestà il Re del Regno delle Due Sicilie di accordare patenti d'invenzione e di perfezionamento, sia à loro autori sia ad altri.

ARTICOLO XIII.

Se alcun bastimento dì guerra o mercantile farà naufragio su le coste dei domini di ciascuna delle Alte Parti Contraenti, tali bastimenti o qualunque parte di essi, ed attrezzi ed appartenenze de'  medesimi, ed ogni altro effetto e mercanzia che sara salvata da essi, o il prodotto se venduta, sarà fedelmente restituito il più presto che si potrà, à proprietari, su la di loro richiesta, o di agenti debitamente da loro autorizzati; e se non vi sieno tali proprietari o agenti sul luogo, allora siffatti effetti e mercanzie, o il di loro prodòtto, del pari che tutti le carte trovate a bordò de bastimenti naufragati, saranno consegnate al Console o Vice-Console Britannico o Siciliano nel di cui distretto il naufragio à potuto aver luogo; e tale Console o Vice-Console, proprietari, o agenti, pagheranno solamente le spese incorse per la conservazione della proprietà insieme con la rata di salvataggio e le spese di quarantena che sarebbero pagabili in simil caso di naufragio di un bastimento nazionale; e gli effetti e mercanzie salvate dal naufragio non saranno soggetti a dazi, ammenocché non siano esse destinati per consumazione; beninteso che in caso di qualunque legale reclamo su di tale naufragio, effetti e mercanzie, lo stesso sarà deferito alla decisione dei tribunali competenti del paese.

ARTICOLO XIV.

Sua Maestà Britannica conviene che tosto che il presente Trattato sarà messo in vigore, ella abbandonerà per sempre il privilegio della reduzione del del dieci per cento, stipulato a favore del commercio de'  suoi sudditi, con lo Articolo 7° della Convenzione fatta in Londra il 26 Settembre, 1816. E Sua Maestà il Re dei Regno delle Due Sicilie dal canto suo, promette che per la durata del presente Trattato, i sudditi di Sua Maestà Britannica continueranno a godere di una riduzione del dieci per cento su' dazi risultanti dalle tariffe doganale, su la totalità delle mercanzie e prodotti del Regno Unito della Gran Brettagna e dell'Irlanda, sue colonie, possessioni, e dipendenze, ch'essi potranno importare ne' suoi reali domini; ed i sudditi di Sua Maestà Britannica non pagheranno dazi maggiori di quelli che su le stesse merci e prodotti potranno venir pagati da'  sudditi o cittadini di ogni altra nazione; ai termini però del convenuto nello Articolo 6 del presente Trattato, e secondo i principi in quello Articolo stabiliti.

Egli è pertanto beninteso che nulla di quanto è convenuto in questo Articolo potrà impedire o restringere la facolta di Sua Maestà il Re del Regno delle Due Sicilie di conservare a suoi sudditi il godimento di una simile riduzione del dieci per cento su i dazi doganali, o di accordarla, se gli aggrada, ad altre nazioni, e cosi metterli a questo riguardo nello stesso piede della Gran Brettagna; e d' indurre in ogni tempo nelle tariffe doganali de'  suoi reali domini que' cambiamenti che crederà opportuni.

ARTICOLO XV.

Le Isole Ionie essendo sotto la protezione di Sua Maestà Britannica, i sudditi e bastimenti di quelle isole godranno ne domini 'di Sua Maestà Siciliana tutti i vantaggi che sono conceduti dal presente Trattato a'  sudditi e bastimenti della Gran Brettagna, e subito che il Governo delle Isole Ionie avrà convenuto di accordare gli stessi reciproci vantaggi in quelle isole a'  sudditi di Sua Maestà Siciliana ed ai loro bastimenti; sottintendendosi che a prevenire gli abusi, ciascun bastimento Ionio che reclamerà il beneficio di questo Trattato, sarà fornito di una patente sottoscritta dal Lord Alto Commessarìo, o dal suo rappresentante.

ARTICOLO XVI.

Il commercio e la navigazione tra i domini di Sua Maestà Siciliana, Gibilterra e Malta, godranno tutti i vantaggi conceduti ai sudditi e bastimenti del Regno Unito della Gran Brettagna e dell'Irlanda, e del Regno delle Due Sicilie, col presente Trattato.

ARTICOLO XVII.

Tostocché le ratifiche del presente Trattato saranno state cambiate, le stipulazioni contenute cosi nella Convenzione di Commercio e di Navigazione tra il Regno Unito della Gran Brettagna e della Irlanda, ed il Regno delle Due Sicilie, fatta in Londra a'  26 Settembre, 1816, che negli Articoli Addizionali alla medesima e della stessa data, saranno tutti indistintamente e per sempre considerate come nulle ed invalide.

ARTICOLO XVIII.

Il presente Trattato sarà in vigore per lo spazio di dieci anni a contare dal giorno in cui saranno cambiate le ratifiche, ed anche fino al termine di dodici mesi dopo che ciascuna delle Alte Parti Contraenti avrà notificato all'altra la sua intenzione di porvi termine; riservandosi ciascuna delle Alte Parti Contraenti il diritto di dare tale conoscenza alla fine del detto termine di dieci anni, o a qualunque susseguente tempo.

ARTICOLO XIX.

Il presente Trattato sarà ratificato, e le ratifiche saranno scambiate in Napoli allo spirare di tre mesi dalla data della sottoscrizione, o anche prima se sarà possibile.

In fede di che i Plenipotenziari rispettivi l'hanno sottoscritto, e vi hanno apposto il sugello delle loro armi.

Fatto in Napoli, il giorno ventinove di Aprile, dell'anno mille ottocento quarantacinque.

(L. S.) WILLIAM TEMPLE.

(L. S.) WOODBINE PARISH.

(L. S.) CAVE. GIUSTINO FORTUNATO.

(L. S.) PRINCIPE DI COMITINI.

(L. S.) ANTONIO SPINELLI.








Creative Commons License
This article by eleaml.org
is licensed under a Creative Commons.







vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del Webm@ster.