Eleaml


Great Britain

Paper Correspondence Despatch 

relating to the Southern of Italy

Dedichiamo questa raccolta – in progress, nel senso che aggiungeremo nel tempo altre pagine – a chi continua a sostenere che gli interessi inglesi erano ben altri, lontani, nelle Indie, e che affermare il contrario è puro complottismo neoborbonico.

Queste carte, peraltro molte delle quali ufficiali in quanto presentate alle Camere (Presented to both Houses of Parliament by Command of Her Majesty), mostrano come gli Inglesi monitorassero costantemente la situazione della penisola italica.

Riportiamo alcune righe tratte dall’articolo scritto da un noto storico non certo sospettabile di simpatie borboniche. Del quale condividiamo totalmente l’analisi.

Chi ha studiato gli avvenimenti di quegli anni senza pregiudizio sa benissimo che l’appoggio a Garibaldi aveva come obiettivo quello di controbilanciare l’appoggio dato dai Francesi a Cavour nel centro-nord.

“Obiettivo fondamentale della Gran Bretagna era e rimase che l’espansione del regno di Sardegna non si risolvesse nella nascita di uno Stato vassallo della Francia: in quel caso sarebbe stato realizzato l’antico sogno di Napoleone I, la riduzione dell’Italia a strumento di Parigi.

Perciò nella primavera 1860 Londra dette via libera alla spedizione di Giuseppe Garibaldi in Sicilia.

Se fosse stato schiacciato, sarebbe stato un Pisacane in più; se avesse vinto, era l’acerrimo nemico di Napoleone III e di Pio IX, quindi si sarebbe messo di traverso all’egemonia clerico-francese sull’Italia e avrebbe costretto Vittorio Emanuele II a prendere le distanze da Parigi.

I fautori della nascita del regno d’Italia lavorarono per la patria, ma anche, lo volessero o no, per la Gran Bretagna, che infatti riconobbe il nuovo Stato da fine marzo 1861, quando l’ambasciatore di Torino, Vittorio Emanuele Tapparelli d’Azeglio, figlio di Roberto e di Costanza Alfieri di Sostegno, venne ricevuto dalla regina Vittoria quale plenipotenziario del Regno d’Italia proclamato il 17 marzo precedente.”

Alleanze interessate Amicizie senza passione

di Aldo Alessandro Mola 

“STORIA IN RETE”- Novembre-Dicembre 2011, n. 73-74 

Buona lettura.

Zenone di Elea – 14 Aprile 2017


FONTE IMMAGINE: Storia in Rete n. 73-74 Novembre-Dicembre, 2011 - pag. 31
INGHILTERRA-DUE-SICILIE-NOVEMBRE-DICEMBRE-2011-STORIA-IN-RETE




























vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilità del materiale e del Webm@ster.